Link Building Guida di base

Link Building Guida di base
Vota il post

Una delle cose che portano via più tempo in una campagna SEO è probabilmente il link building. Inoltre, se non si sa bene come funziona, come Google lo interpreta e come generare link naturali e di qualità, quel che otterremo sará più una perdita di tempo che un beneficio e, se proprio abbiamo fatto un mal link building, perfino una penalizzazione di Google.

Link Building

Questa guida di base sul Link Building cerca di spiegare in maniera breve e completa i diversi punti da tener da conto quando si inizia una campagna di link building.

Cosa tenere in considerazione quando si fa Link Building

Si devono tenere in considerazione in considerazione diversi punti durante la generazione di link. Come è ben noto, non tutti i link non hanno lo stesso valore e sono altrettanto rilevanti per Google.

La diversità nei domini

Google analizza una cosa chiamata “diversità di domini”, che significa che maggiore è il numero di domini che linkano al sito meglio è, sempre che questo i siti che ci linkano siano di qualità. Quindi, è meglio avere un solo link da sei diversi domini (uno per ogni dominio), che sei link da uno stesso dominio..

Esempio: Avrà più valore una web linkata da tre domini esterni piuttosto che un’altra con 10 links da un solo dominio esterno.

Contenuto della pagina

Questo è logico ma spesso si dimentica non appena si presenta una opportunità per ottenere un link: se il contenuto di una pagina non ha nulla a che vedere con il contenuto del website che andremo a linkare, il link perde molto del suo valore, se non tutto, e non sortirà quasi nessun effetto.

Esempio: se stiamo facendo una campagna di link building per una web di camicie, un link da un blog di moda sarà più importante di un link da un blog di viaggi.

Equilibrio tra link interni ed esterni

È molto importante che la pagina in cui “collocare” link abbia un buon equilibrio tra link esterni ed interni.  Immaginate di essere Google e visitare una pagina che non ha mai avuto link esterni e improvvisamente ne appare uno, sospetto no? Potremmo anche pensare che ci sia qualcosa di strano in quel link; e anche il caso opposto: se un sito ha centinaia di link esterni, ma molto pochi interni potremmo pensare che questo sito si dedica solo a vendere link. Inoltre questi link probabilmente non abbiano molto valore.

Esempio: è preferibile ottenere un link da un blog che non ha link esterni in ogni post piuttosto che un direttorio di link con centinaia di questi e nessuno entrante.

La posizione del link

Google può distinguere molto bene le diverse parti di un web (intestazione, corpo, footer, etc.); in base alla posizione del link questo avrà più o meno valore. Da qui l’importanza di collocare il link nel corpo di testo, dato che probabilmente ha più a che fare con l’argonemento del testo che se fosse collotato nel footer della pagina o nell’intestazione.

Diversità di Anchor Text

L’anchor text del link è il testo visibile su cui si può fare clic in un link. Se c’è una parola chiave relativa alla pagina linkata nell’anchor text del link Google saprà meglio di cosa tratta quella pagina: quindi è importante utilizzare parole chiave rilevanti. Ora però viene la parte difficile. Da quando Google ha lanciato l’algoritmo chiamato Google Penguin è molto importante avere una struttura di anchor text più naturale possibile. Questo significa che è importante utilizzare diversi anchor text e che essi appaiano naturali.

Esempio: Si può usare come anchor text il texto  “clicca qui”, “questo sito web”, la url del site, creando un mix che ci permetta di uare anche parole chiave pero senza esagerare, in modo che sia il più naturale possibile.

Tempistiche

Si deve tener conto che per risultare naturale il linkbuilding deve essere un lavoro costante e continuo nel tempo: non è consigliabile cominciare a generare link tutti i giorni ed ottenerne 20 in un mese per poi stufarsi e lasciar tutto perdere. Molto meglio dedicare uno o due giorni la settimana al linkbuilding con costanza ed usare un criterio progressivo nel link building. In questo modo será più naturale.

Esempio: molto meglio ottenere 4 link in un mese (1 per settimana) che 4 link in un giorno solo.

Tattiche di link building

Ci sono migliaia di tattiche di link building, ma possiamo dividerle in due macrogruppi:

  • ottenenzione del link in modo naturale
  • ottenzione del link in modo manuale

Generare link in modo naturale

pagina-404

Questa tattica è senza dubbio la più gratificante e quella che ottiene i migliori risultati, però è anche la più difficile e quella che ha bisogno di più tempo. Consiste nel creare contenuti di qualità che la gente realmente senta la necessità di linkare. La sfida sta nel creare appunto dei contenuti talmente interessanti da riuscire ad ottenere tali links. Questa tattica si chiama Link Baiting.

Ci sono diversi modi per creare contenuti che attraggano link:

  • Pubblicare un tutorial su qualcosa che molte persone usano sia esso un tool, un plug-in o un programma
  • Pubblicare Infografiche, concorsi, sondaggi, analisi e interviste
  • Creare un’applicazione o un tool, come si può essere un plug-in semplice e utile
  • Usare il senso dell’umorismo; un buon esempio è Death by Caffeine, una semplice applicazione per sapere ‘quanta caffeina dovresti bere per morire’.
  • Generare polemiche in modo costruttivo e originale è qualcosa che attira sempre l’attenzione della gente

Oltre a questi ci sono centinaia di altri modi per attrarre link naturali, sia originali pagine 404 o e-mail di conferma di un ordine etc….

Creare collegamenti manualmente

La prima cosa da fare in una campagna di link building quando generiamo link manualmente è quello di trovare siti web pertinenti da cui si desidera ottenere un link. Questo può essere frustrante, ma ci sono un paio di trucchi con i quali si possono trovare pagine con contenuti rilevanti per il nostro sito.

  • Ricerca di forum: si può utilizzare un piccolo trucco usando questa chiave di ricerca in Google: inurl: forum “parola chiave”, sostituendo “parola chiave” per la keyword dell’argomento che si vuole cercare.
  • Ricerca usando strumenti di analisi link come Open Site Explorer o ahrefs.com con i quali possiamo vedere le pagine che linkano la concorrenza e cercare di ottenere anche noi un link
  • Ricerca in Google blog search post che parlano del nostro sito web o di un argomento direttamente relazionato, a condizione che essi siano recenti.
  • Scrivere post di qualità per proporli ad altri blog per esseri pubblicati come guest post
  • Ricerca di siti web correlati che non esistano più, scoprire quali altri siti li ​​linkano e contattare il webmaster che ha dei link rotti suggerendogli di sostituirli con un link al vostro sito. Questa tattica è conosciuta come Broken Link Building

Per vedere se i siti sono rilevanti o meno, possiamo usare il mozBar (Chrome / Firefox) che mostrerà il Domain Authority ed il Page Authority della pagina.

Gestione link sospetti

È molto importante non avere link sospetti che puntano al nostro sito e ci rendano vulnerabili a una penalizzazione di Google; per evitare questo dobbiamo cercare di tenere sempre sotto controllo i nostri link.

Fare una lista dei nostri link

Usando Google Webmaster Tools  in pochi semplici passi si può ottenere un elenco dettagliato di tutti i link che Google ha rilevato:

  1. Fare log-in in Google Webmaster Tools
  2. Navigare a Traffico verso> link al tuo sito
  3. Cliccare sul link “ulteriori informazioni” della sezione ” più link al tuo sito”
  4. Scarice i link recenti

Così si può scaricare una tabella completa di tutti i link che puntano al nostro sito web, ordinati in base al giorno in cui Google li ha rilevati.

Tag nofollow

Il tag nofollow dice a Google che non deve seguire quel link ed inoltre impedisce che questo link trasmetta qualsiasi valore alla pagina a cui punta. Questo è un link con un tag no follow:

<a href=”http://esempio.com” rel=”nofollow”> Anchor Text </a>

Google vuole i webmaster che hanno venduto link aggiungano questa etichetta ai loro link visto che la vendita di link è penalizzata da Google. Per quanto riguarda il link building, anche se i link importanti sono quelli che non hanno questo tag, è bene sapere che ci deve essere un equilibrio tra nofollow e dofollow giacchè il modo più naturale di generare link dovrebbe essere attraverso forum, commenti su blog o social network che generano principalmente link nofollow.

Tool Disavow

Il tool disavow nasce alla fine del 2012 e ci permette comunicare a Google i link che vuoi che il suo bot ignori. L’utilità di questo strumento ha lo scopo di recuperarsi da una penalizzazione di Google dopo aver ricevuto un avviso per link sospetti. Un tool diventato, dopo Google Penguin, molto importante in tutte le campagna di Link Building.

Per fare questo seguire tre passi:

  1. Fare log-in in Google Webmaster Tools e andare a questo tool
  2. Scegliere il dominio giusto e fare clic su “link disavow”
  3. Carica un file con un elenco di link che si desidera Google ignori

Il file deve essere in formato .txt e deve seguire questo schema:

#spiegazione della ragione per cui richiediamo un disawov

Link del disawov

Esempio:

#contattato webmaster per rimuovere il link senza risposta

http://website.com/page-name.html

#vari link da questo dominio

dominio: website.com

Si può anche mandare una semplice lista di link da non tenere in considerazione perè è preferibile includere una breve spiegazione allegata al link.

Conclusioni sul link building

Il link building è un aspetto molto importante di ogni campagna SEO, ma non deve essere preso alla leggera: fatto in modo sbagliato può creare più danni che benefici. A volte è meglio non fare del tutto link building piuttosto che farlo male.

Meglio sempre tenere due cose in mente per quel che riguarda il linkbuilding:  meglio qualità che quantità e meglio puntare sulla varietà senza essere spammers e concentrandosi sui link che valgano davvero la pena.

3 commenti su “Link Building Guida di base

  • Un articolo/post molto completo sul link building!

    Io solo aggiungerei che anche i link inseriti provengano da pagine web che hanno la stessa lingua e se possibile con l IP dello stesso paese.

    Saluti!

  • This is the most complete list of link building tactics on the Web, period. I created it because the best tactics are never found in one place, and the most complete lists are completely outdated.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *