Come definire la tua strategia di marketing online in 6 passi

Come definire la tua strategia di marketing online in 6 passi
5 (100%) 3 voto[i]

Affacciarsi al mondo di internet è ogni giorno sempre più necessario per le marche e le aziende di ogni dimensione e formato. Se non si ha ancora presenza online o si è appena cominciato, ma senza seguire un piano predefinito, si dovrebbe iniziare a chiedersi come definire una strategia di marketing online.

Questo è un argomento molto ampio, visto che stiamo parlando di come definire le linee di azione  di un’attività commerciale. Quindi voglio chiarire che ciò che troverai in questo post è una guida pratica che risulterá sicuramente riduttiva e che andrá integrata con molto lavoro.

strategia marketing online

Che cosa è una strategia di marketing online  e quali sono i vantaggi di averne una?

Prima di cominciare a trattare il tema di come definire la tua strategia di web marketing, è importante capire perchè questo processo è fondamentale e perché non si dovrebbe sottovalutare la sua importanza.

Spesso il lancio di una pagina web corrisponde al desiderio di una azienda “classica” di aver presenza in internet, spesso su indicazione del proprietaro o direttore della ditta, che ha sentito o letto da qualche parte che bisogna avere un sito internet, si deve aprire una pagina web etc… Ed inoltre ci si aspetta che in pochi giorni ci sia un boom di clienti provenienti dalla nuovissima pagina web.

Tutto questo ovviamente solitamente senza nessun tipo di strategia preventiva, ne tanto meno obiettivi (realistici) etc… Per evitare questa cosa meglio definire in dettaglio un piano strategico efficace.

Prima di avanzare è necessario chiarire quali sono i benefici che da la definizione di una strategia. Eccoti un breve riassunto di quali sono, secondo me, i vantaggi più significativi di una strategia di marketing online efficace:

  • Genera “Inbound Marketing”: una strategia digitale ben definita ci fornisce i dati necessari per sviluppare campagne inbound che attirano clienti, in modo che siano loro colore che decidono di comprare, non noi coloro che gli vendamo.
  • Promuove la crescita del business: grazie a tutti i dati ottenuti ed analizzati, siamo in grado di far crescere il nostro business.
  • Favorisce il risparmio e i tagli agli sprechi: non c’è bisogno di investire grandi quantità di denaro, semplicemente adattare il budget per mettere in atto le strategie opportune.
  • Permette di concentrare gli sforzi: Internet e la pubblicità on-line offre strumenti che permetteno di segmentare molto bene e di concentrare gli sforzi sul nostro mercato obiettivo specifico senza dover “sprecare” ingenti somme in campagne inefficienti.

Basicamente l’idea principale risiede nella possibilità di ottenere più informazioni sui tuoi clienti attraverso l’analisi statistica delle tendenze e delle conversioni, che è resa possibile dalla digitalizzazione.

E come per ogni strategia, anche per la creazione di questa è necessario definire:

  • Obiettivi
  • Risorse disponibili
  • Pubblico obiettivo
  • Concorrenza

 

Dal marketing tradizionale al marketing digitale

Ci sono teorie economiche tradizionali che sono da anni alla base dello studio del marketing e che ci spiegano come funziona la pianificazione strategica di una campagna di marketing. Se è vero che con la rivoluzione 2.0 e l’ascesa del marketing online ha forzato il marketing tradizionale (o offline) a convergere verso l’attuazione di strategie digitali, pè anche vero che per definire una buona strategia di marketing online è fondamentale capire bene la teoria classica del marketing.

Avrete sicuramente sentito parlare delle 4P del marketing. Queste son le 4 variabili che definiscono una strategia di marketing: il prezzo, distribuzione, promozione e prodotto.

  • Prezzo: qui entrano tutte le strategie che hanno a che fare con il prezzo di un prodotto o servizio.
  • Distribuzione: Dove si desidera offrire il vostro prodotto o servizio: in negozio fisico, in una e-commerce, per telefono…
  • Promozione: consiste nella realizzazione di azioni di marketing atte a pubblicizzare il marchio o prodotto, incoraggiando in tal modo agli utenti a consumare. Qui si può enumerare tutti i tipi di sconti, offerte, bonus o annunci promozionali, come concorsi a premi sui social network.
  • Prodotto: questo è ciò che si vende e come lo si fa. Conoscere molto bene le caratteristiche che definiscono il tuo prodotto è importante anche per dare coerenza all’immagine del tuo marchio.

Come si può vedere, queste quattro variabili sono la spina dorsale di tutto ciò che circonda ogni tipo di strategia di marketing. Nelle loro infinite variabili, le opzioni che si concentrano esclusivamente sull’obiettivo di posizionare il tuo marchio su Internet, sono quelle che definiscono la tua strategia di marketing online.

Se è vero che ci sono punti in comune tra una strategia di marketing tradizionale e una strategia online, uando ci riferiamo al mondo virtuale ci sono una serie di aspetti ai quali dobbiamo prestare particolare attenzione.

Alla base di queste differenze si trova la mancanza di  contatto diretto o presenza fisica con i clienti. Pertanto, queste sono altri 3 punti chiave per far si che il la tua strategia digitale funzioni:

Distribuzione online

In questo caso tutto il peso della distribuzione ricade sulla infrastruttura hardware e software, basicamente hosting e programmazione della pagina web, visto che questo è il canale di vendita sul quale si basa la strategia.

È molto importante disporre di una infrastruttura efficente, che funzioni e sia in grado di attrarre traffico seguendo le principali linee che marcano le esigenze tecniche per un buon seo.

Sembra inutile dirlo, pero molto spesso questa parte viene considerata poco o relativamente importante, mentre invece è fondamentale. Questo non significa solo la necessità di avere una pagina web “esteticamente bella”… tutt’altro! Ci sono molte cose da tenere in conto ed è meglio affidarsi a tecnici esperti (informatici e di posizionamento web) prima di iniziare con il progetto, per evitare i classici errori di base.

Rapporto con il cliente

Le relazioni in internet sono molto diverse da quelle che possiamo in ufficio o in un negozio, quando abbiamo la possibilità di avere un contatto visivo con i clienti; quindi questo punto assume ancor più importanza.

Il cliente 2.0 è molto più informato ed ha molte più possibilità a portata di un solo click; inoltre vuole essere portavoce della marca ed essere parte del nostro marchio, è sempre più parte attiva del processo di venditá e di relazione cliente-azienda. Quindi diventa molto più necessario lavorare con un marketing emozionale applicato alla web. In questo post on-web.net spiega molto bene di cosa si tratta.

Se posso dare il mio consiglio per costruire forti relazioni con i clienti, si deve tenere presente tre aspetti chiave:

  • Mostrare loro il lato umano e trasparente della web e della marca: la relazione commerciale con una web è totalmente impersonale, si deve cercare di renderla più vicina
  • Ascoltare e soddisfare le esigenze dei clienti: i servizi e prodotti in venditá in una web sono “statici”, dobbiamo cercare di flessibilizzali per adattarli a tutte le esigenze.
  • Offrire loro una proposta di valore su misura: l’analisi della grandi quantità di dati che genera una web ci permette di segmentare e identificare esigenze specifiche per utenti specifici.

Tools di supporto

Per far si che la tua strategia funzioni  avrai bisogno di tools che permettano di coprire tutte le aree d’azione.

Ad esempio, avrete bisogno di tools di progettazione, e-mail marketing, SEO, per sostenere tutte le aree strategiche di lavoro sul tuo piano di marketing.

Definire una strategia di marketing digitale

Realisticamente quasi nessuna marca o azienda riesce a posizionarsi ed ottenere redditività nei suoi primi mesi di esistenza online. Tutto gli obiettivi che hai in mente per la tua web hanno bisogno di un investimento iniziale e di tempo, come d’altronde succese nel “mondo offiline”. Difficilmente i tuoi sforzi si tradurranno in risultati immediati.

Una volta consapevoli di questo fatto, quello che sta nelle nostre mani è fare le cose nel miglior modo possibile in modo che tutto vada come previsto e secondi i piani, e per questo dobbiamo chiaramente definire come farlo con una strategia.

 

1.      Analisi interna e della concorrenza

 

Prima di poter definire le 4P del di cui ho parlato all’inizio, è necessario raccogliere un sacco di informazioni sia interna che della concorrenza per valutare se si è in grado di competere. Questo si fa attraverso il classico analisi SWOT per valutare i punti di forza (Strengths), debolezza (Weaknesses), le opportunità (Opportunities) e le minacce (Threats)

Per fare questo, bisogna porsi domande e ricavare informazioni:

  • Il prodotto o servizio che si vuole offrire: Qual’è il vostro pubblico obiettivo? Che esigenze soddisfa il vostro prodotto/servizio? C’è una domanda sufficiente nel mercato? Chi offre già questo prodotto o servizio (o simile)  e come lo fa? Che caratteristiche differenziali ha il mio prodotto / servizio?
  • Il cliente ideale: Dove vive, che età ha, quali sono le sue abitudini, quali le sue esigenze, quali i fattori che motivano l’acquisto…
  • La concorrenza diretta: Chi è, qual’è la sua strategia di marketing online? Chi sono i clienti e come soddisfa le loro esigenze?

Tradizionalmente avremmo dovuto investire ingenti somme di denaro per fare una buona ricerca di mercato per dare risposta a queste domande. Per fortuna, oggi abbiamo ottimi strumenti di analisi come SEMRush che ci permettono di analizzare le strategie di marketing online della concorrenza secondo le parole chiave posizionate e il tipo di contenuti che offre al suo pubblico.

Con questa info puoi disegnare la tua matrice SWOT ed individuare i tuoi punti di forze per sfruttarli al meglio.

2.      Definizione degli obiettivi, la segmentazione e le parole chiave

Dopo aver analizzato la situazione, sia esternamente che internamente, è necessario definire  bene il pubblico obiettivo e le parole chiave per le quali posizionarsi; ma che prima devi definire i tuoi obiettivi: vuoi posizionarti come esperto in un cert aromento? Vuoi vendere di più? Vuoi ottenere nuovi clienti o fidelizzare quelli che gia hai?

Qualunque sia il tuo obiettivo questo deve avere due caratteristiche fondamentali: deve avere un pubblico obiettivo ben definito e deve essere misurabile.

Sicuramente molte altre aziende (o per lo meno alcune) stanno già soddisfando le esigenze che il tuo prodotto o servizio si propone di soffisfare ed ha anche lo stesso pubblico.   Quindi studiare le parole chiave della concorrenza ti aiuterá a sapere come stabilire gli obiettivi.

Per voi per capire questo un po’ meglio questi sono i punti chiave a trattare in questa fase:

  • Pubblico: Definire a chi è diretto il prodotto o servizio e che tipo di contenuti (digitali) sono i più adatto al questo profilo di cliente
  • Contenuti: per capire come potyer dare valore aggiunto al mio pubblico, bisogna studiare i contenuti che condivide la concorrenza, le strategie messe in atto nei social network, etc… in modo da potermi differenziare.
  • Parole chiave: analizzare le parole chiave posizionate dalla concorrenza (così come il volume di ricerca di queste), il profilo dei backlinks, le URL più visitate, etc.

È l’analisi di questi 3 concetti (pubblico, contenuti e le parole chiave) che ti permetterá generare un elenco di tutte le parole chiave da posizionare all’interno della tua startegia di marketing online per dare visibilitá al tuo site a ai tuoi contenuti in una determinata nicchia di mercato a per determinate chiavi di ricerca che, si suppone, ti dovranno poi riportare i benefici attesi.

3.      Brainstorming e definizione della strategia

In questa terza fase si deve riunire tutto quello che si è studiato fino al momento e tracciare le linee generali della strategia in base alle conclusioni dello studio della concorrenza e dalle definizione degli obiettivi.

Una buona forma per cominciare è un brainstorming che faccia affiorare una serie di idee che poi andranno selezionare in base alla coerenza con l’analisi SWOT, all’adattabilitá agli obiettivi ed alla fattibilitá. Inoltre queste idee andranno ricondotte alle linee generali della strategia per incasellarle nel loro ambito di appartenenza in modo poi da portle sviluppare punto per punto.

Ad esempio:

  • Crear una comunitá online della marca
  • Fidelizzare i cliente via social network
  • Attrarre nuovi cliente offrendo freemium o tutorials…

4.      Creazione del piano d’azione

Una volta che avete un elenco di idee applicabili ricondotte ad una parte specifica della strategia di marketing online è necessario pianificare tutto e creare 3 piani d’azione: uno a breve, uno a medio eed uno a lungo termine. Dal momento che non tutte le azioni vengono eseguite allo stesso tempo questo deve essere ben sequenziato secondo gli obiettivi e le risorse disponibili.

A questo punto diventa necessario distinguere tra strategia e tattica:

  • La strategia è un insieme coerente di obiettivi che nel loro complesso definiscono la posizione di una azienda sul mercato. Quindi, la strategia riguarda il conseguimento ed il mantenimento nel tempo degli obiettivi più che il successo di una singola azione. Quindi è un piano d’azione a lungo termine.
  • La tattica invece è l’uso operativo dei metodi e delle risorse in una situazione particolare nel breve periodo di tempo per competere per ottenere delle ottimizzazioni, etc… Quindi è un piano d’azione a medio e/o breve termine.

In questa fase è inoltre necessario definire le tattiche che si metteranno in atto per raggiungere i macro obiettivi definiti dalla strategia.

All’interno del tuo piano d’azione è necessario anche definire i canali di promozione ed i KPI per il ritorno ottimale dell’investimento di ogni singola azione.

5.      Strumenti, risorse e modelli

Come ovvio, senza le risorse di analisi e di supporto, una strategia di marketing digitale sarebbe incompleta. Grazie ad Internet abbiamo a disposizione un sacco di strumenti, sia gratis che a pagamento, che rendono le cose molto più facili.

È possibile categorizzare le risorse in base alla loro funzionalità:

  • Risorse organizzative: pianificare le attività, calendario editoriale, social media plan – Excel…
  • Piattaforme di lavoro online: Google Drive, Google docs, Dropbox o SharePoint…
  • Temi e mockups: ThemeForest, Dribbble, Envato…
  • Risorse grafiche: GraphicRiver, Piktochart, Foter, everystockphoto o altre banche immagini…
  • Strumenti analitici: SEMRush, Google Analytics, Moz, Ahrefs, Majesticseo, openlinprofiler…
  • Email marketing: Mailchimp, Mailrelay, Campaign Monitor, Aweber…
  • Strumenti di monitoraggio: Metricool, Hootsuite, o Bloonder Buzzmonitor…
  • Strumenti di pianificazione: Buffer, IFTTT…

I tools disponibili in ogni categoria sono molti, anzi moltissimi. La cosa migliore è dedicare un po’ di tempo al loro studio e scegliere quelli più adeguati alle proprie necessità.

6.      Controllo e analisi dei risultati

Molti strumenti di cui al punto precedente, in particolare quelli di analisi e monitoraggio, forniscono dati e risultati statistici evolutivi che consentono di monitorare le tue campagne e la tua strategia digitale globale. L’obiettivo di un’analisi completa dei risultati è quello di garantire che il ROI (ritorno sull’investimento) sia positivo.

È importante realizzare un controllo ed analisi dei datgi periodizzato senza sgarrare per poter valutare in modo coerente il funzionamiento della strategia di markeing online adottata. L’analisi dei risultati può produrre 3 diversi scenari:

  • Risultati <Obiettivi -> Qualcosa non sta andando bene; si devono analizzare e identificare gli errori per modificare il piano d’azione se necessario oppure per identificare le ragioni dello scostamento dei risultati e determinare se sono riconducibili o si tratta di un errore di valutazione iniziale.
  • Risultati = Obiettivi -> Sembra che la cosa sta andando bene, ma potrebbe andare meglio! Provate a fare piccoli miglioramenti e vedere se ci sono ulteriori miglioramenti.
  • Risultati> Obiettivi -> Ottimo! Un analisi è comunque necessario per verificare se si tratta solo di un colpo di fortuna temporale oppure realmente abbiamo fatto le cose molto bene.

Conclusione

A differenza di marketing tradizionale, dove era necessario investire ingenti somme di denaro sulla ricerca di mercato, nel marketing online è possibile ottenere molte informazioni sul con poco sforzo e poche risorse.

Questo non significa che creare una strategia di marketing on-line sia qualcosa di semplice. Un’altro mito da sfatare è che il marketing online sia gratis o quasi gratis: non è proprio cosí.

Si deve essere coscenti che il numero dei concorrenza che esiste (soprattutto in certi settori) è giá molto elevato ed i “posti disponibili” sono sempre meno….

Quindi non perdere e comincia oggi stesso a definire la tua strategia di marketing online!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *